Quando si compra una confezione di Zafferano, bisogna prestare molta attenzione al peso e al prezzo della bustina.

Un prezzo troppo basso nasconde sempre spiacevoli sorprese, infatti o lo Zafferano al suo interno è di una qualità scadente, o la bustina è “più leggera” delle altre.

Nel caso dello Zafferano, basta poca quantità in meno di prodotto per avere forti differenze di prezzo.

In una bustina, la polvere deve essere uniforme, senza puntini bianchi, di colore rosso vivo, se non è così vuol dire che è stata utilizzata una qualità scadente o che è stata mischiata ad altri componenti senza nessun valore gastronomico.

Anche un’eccessiva umidità è sinonimo di alterazione sia di qualità che di peso, infatti potrebbe causare lo sviluppo di microrganismi che con il tempo rovinerebbero la Zafferano facendolo anche ammuffire.

Per legge, in Italia è vietato confezionare con la denominazione Zafferano qualcosa che sia diverso dalla parte apicale dello stesso (Regio Decreto n° 2217 del 1936) un’ulteriore e importante tutela per la qualità e purezza dello Zafferano.

lascia un commento

Minimum 4 characters